Lunedì, martedì, venerdì:
Mercoledì e giovedì:
Sabato:
07:00 - 14:30
13:00 - 20:30
08:00 - 13:00
Preventivo Online
Preventivo Online
02.02.2014.
Il turismo dentale non e' una novità: se n'e' parlato e se ne parla tanto il che' non sorprende in quanto sempre più spesso i cittadini italiani si ritrovano a cercare uno studio dentistico all'estero che gli garantisca prezzi più convenienti. 

Allora viene da chiedersi, si pratica il turismo dentale in quanto e' divenuto una pratica popolare e se lo fanno gli altri lo facciamo anche noi oppure e' una vera e propria necessita' in questi anni di crisi economica e si va a ricercare il risparmio all' estero presso le cliniche odontoiatriche in Croazia o a quelle di altre nazioni?

Certamente i prezzi più convenevoli garantiti in paesi quali l' Ungheria, la Romania o la Croazia non sono da considerarsi un trend ma semplicemente l'offerta di mercato adattata allo stato economico nazionale che in questo caso risulta in prezzi ribassati rispetto ai prezzi di trattamenti dentali effettuati in Italia.

Quello che ci si chiede maggiormente, soprattutto da chi critica il turismo dentale condannando chi lo pratica, e' quale sia la qualità delle cure amministrate all' estero in quanto esiste la percezione popolare che i prezzi più bassi non possono che significare una qualità di servizio ridotta. Ebbene il fatto non sussiste; si può sempre richiedere la garanzia della qualità dei materiali usati mentre per quanto riguarda la bravura del dentista stesso, non si tratta di determinare la sua professionalita' in base alla cittadinanza ma, come in tutti i paesi e in tutti gli ambienti professionali, c'e' chi e' più bravo e chi e' meno bravo. In fondo non e' stato già dimostrato anche dai servizi giornalistici di Striscia la Notizia che la qualità dei trattamenti medici non dipende dalla nazionalità del dentista bensì dal suo livello di professionalita' e bravura.

E se pensiamo che da una parte ci sono centinaia di pazienti soddisfatti con il loro dentista trovato all' estero mentre sono le associazioni odontoiatriche che si ribellano rispetto al turismo dentale ci si dovrebbe chiedere: si pensa agli interessi dei pazienti o a quelli economici e di ricerca di un guadagno superiore?   

La risposta sta a voi.