Lunedì, martedì, venerdì:
Mercoledì e giovedì:
Sabato:
07:00 - 14:30
13:00 - 20:30
08:00 - 13:00
Preventivo Online
Preventivo Online
09.03.2016. LE ABITUDINI ALIMENTARI SBAGLIATE
Per prevenire la carie, oltre a fare attenzione a quanto mangiamo, dobbiamo anche scegliere bene che cosa mangiare!
Il cibo, infatti, rappresenta un’insidia per la bocca e i denti anche molto tempo dopo esser stato inghiottito. 
Pochi sanno che non è la stessa cosa mangiare, ad esempio, i biscotti subito dopo cena e mangiarli come spuntino separato al pomeriggio. In quest’ultimo modo, i nostri denti sono doppiamente esposti alla possibilità di creare la carie.

I cambiamenti negativi, nella nostra cavità orale, iniziano già mentre mangiamo determinati alimenti: come ben sappiamo, i batteri formano gli acidi e questi ultimi avviano un processo che può portare alla carie.
Un grande pericolo arriva dai cibi ricchi di carboidrati, che si suddividono, poi, in zuccheri semplici come il glucosio, il fruttosio, il maltosio e il lattosio. In realtà il pericolo è rappresentato sia dagli zuccheri evidenti, come i biscotti o le bibite zuccherate, sia dai carboidrati meno evidenti come il pane o le banane.
Alcuni batteri sui denti utilizzano gli zuccheri derivanti da questi alimenti e producono acidi. Il vostro team di fiducia dalla Croazia afferma con sicurezza che questi acidi compiono un’azione devastante nei confronti dello smalto dentale. Quest’azione si chiama demineralizzazione. La saliva, invece, aiuta a ritrovare e rifornire i denti con i minerali mancanti e questo processo naturale è chiamato remineralizazzione.
Dalla Croazia anche un consiglio professionale sicuro: la remineralizzazione può venir ulteriormente accelerata con il lavaggio dei denti perché i dentifrici contengono, in genere, notevoli quantità di fluoro, un minerale fondamentale per la salute dentale.
Se vi chiedete il perché del più frequente decadimento di alcuni tipi di denti rispetto ad altri (come ad esempio i molari) sappiate che il motivo e da attribuire alla forma di questi denti che permettono con le loro fessure di intrappolare il cibo. 

Se poi il lavaggio non è eseguito accuratamente, è inevitabile che i batteri nocivi inizino la propria azione deteriorante. Gli specialisti della vostra clinica dalla Croazia, la Dental Olujić, evidenziano che, a peggiorare le cose, molti degli alimenti che mangiamo, sono spesso malsani per i denti: gli studi hanno dimostrato, ad esempio, che le persone che mangiano i dolci tra i pasti hanno una possibilità più alta di essere soggetti a vari problemi dentali.  
L’esempio opposto, invece, si basa su quei cibi che possono avere un’azione sbiancante e benefica sui nostri denti (come le fragole e le mele) oppure quelli che possono tamponare l’azione batterica (come il formaggio, consumato subito dopo i pasti).